Calendari medievali italiani: luglio

Cremona5-luglio-agostoT

Duomo di Cremona, il Ciclo dei Mesi: Luglio (a destra) e Agosto

Палящее солнце и молотьба пшеницы: изображение июля в скульптурном итальянском календаре XIII века из Феррары. Текст для продвинутого уровня владения языком.

Domande e suggerimenti

  • Perché il mese di luglio era considerato il più importante dal punto di vista del ciclo dei lavori agricoli?
  • Quali termini relativi ai lavori agricoli sono presenti nel testo?
  • Trovate nel testo gli equivalenti italiani di «боевая лошадь», «в размеренном ритме», «получает почти священное значение», «шутливое подбадривание», «находится на своем пике».
  • Vi invitiamo a cercare altre immagini del mese di luglio nei calendari medievali e a pubblicarle nella sezione commenti nei nostri profili social.

Il calendario di pietra: luglio, di Grazia A., autrice del blog sull’arte Senza dedica

Dixe Luglio: io fazo i meluni,
batto lo frumento cum grossi bastoni,
spogliomi in chamixa per il gran sudore
faxomi chuoxere de’ boni capponi.

[Dice Luglio: io faccio [maturare] i meloni,
batto il grano con grossi bastoni,
mi spoglio fino a rimanere in camicia, per il fatto di sudare molto,
mi faccio cucinare dei buoni capponi. – AZ]

(Ballata dei Mesi del XIV secolo, Italia settentrionale)

Luglio, il mese che prende il nome da Iulius, Giulio Cesare. Luglio, il mese del caldo e del sole ardente. “A luglio gran calura, a gennaio gran fredddura”: dice un proverbio molto diffuso che lo contrappone al gelo dell’inverno.
Anche nei calendari scolpiti dei mesi dell’inizio del XIII secolo, Luglio è il mese del sole e, come avveniva per Giugno, è legato alla coltivazione del grano: l’attività che si usa raffigurare è quella della battitura, la prima fase della trebbiatura.
Ed ecco come appare Luglio nella formella del ciclo di Ferrara, ora conservata al Museo della Cattedrale.

07 Ferrara luglio (1)

Luglio, Cattedrale di Ferrara

Qui il cavallo è, insieme all’uomo, il grande protagonista. Ma non si tratta del focoso destriero di un guerriero o – come nel mese di Maggio – di un aristocratico cavaliere, ma dell’umile e robusto animale addomesticato per i lavori più pesanti della campagna.
La battitura del grano può essere svolta dal contadino manualmente, usando il doppio bastone snodato, il correggiato, oppure – per i pochi che se lo possono permettere – con l’aiuto, appunto, dei cavalli, che al ritmo cadenzato dei loro zoccoli, battono le spighe legate e messe ordinatamente a terra, frantumandole e facendone uscire i semi. Una pratica, questa, derivata dell’antichità e molto meno faticosa per l’uomo.

Nella formella, Luglio si presenta come un giovane contadino, vestito con la corta tunica estiva e con i piedi nudi, che, tenendo in mano un bastone, guida due cavalli legati con una corda ben stretta nella mano. I fasci di spighe ai suoi piedi sono già pronti per la battitura.

La trebbiatura, nelle sue varie fasi, è considerata allora l’avvenimento più importante dell’anno agricolo, quello in cui il lavoro dell’uomo assume una dimensione quasi sacra. Il pane rappresenta l’idea stessa del cibo.
Le spighe colme, raffigurate in primo piano, sono un segno di abbondanza. Anche se si sa che la maggior parte andrà al nobile padrone delle terre, un buon raccolto significa per i contadini la speranza di assicurare nutrimento a se stessi e alle loro famiglie.
I giorni caldi della trebbiatura sono una delle rare occasioni di festa: al lavoro partecipano tutti, giovani e vecchi. Nei campi, a volte, risuona qualche parola di incitamento scherzoso e qualche canto. La buona stagione è al suo culmine e la natura si presenta nel suo aspetto migliore. Può bastare per sperare di superare le difficoltà quotidiane e, al calore del sole, nella fatica comune, dimenticare ogni preoccupazione per il futuro.

Il testo originale di Grazia si può leggere qui.

Dallo stesso ciclo: GennaioFebbraio, Marzo, Aprile, Maggio, GiugnoAgostoSettembre, Ottobre, Novembre, Dicembre.

A proposito di Alina Zvonareva

Алина Звонарева – кандидат филологических наук, преподаватель итальянского языка, переводчик поэзии. Совместно с Ириной Волковой основала сайт Italiano ConTesti в январе 2016 года. Alina Zvonareva è dottore di ricerca in filologa romanza, insegnante di italiano per stranieri, traduttrice di poesia. Insieme a Irina Volkova, ha fondato il sito Italiano ConTesti in gennaio 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*